Dettagli di una sera a Tokyo

COSA FARE IN UNA SERATA A TOKYO: UN'IDEA DEI COSTI PARTENDO DALLA CENA

Di solito, una delle preoccupazioni più grandi di chi sta pensando di programmare un viaggio in Giappone è il costo della vita. Tokyo, in particolare, è una città che intimorisce parecchio, perché viene considerata una tra le più care al mondo.

In parte è così, perché comunque stiamo parlando della capitale di una potenza mondiale; vi vorrei però aiutare a farvi un'idea di ciò che è veramente caro in questa metropoli e di ciò che, invece, ha dei prezzi sicuramente più accessibili.

Conosco bene Tokyo, avendoci vissuto qualche mese mentre frequentavo il mio ultimo anno di università, nel 2016. Mi trovavo in Giappone con un visto turistico, con il quale non mi era concesso di cercare lavoro, e ho tentato di sfruttare al meglio quest'esperienza (vivendo là per 89 giorni sui 90 concessi legalmente), stando però molto attendo a cercare attività che non mi facessero esaurire tutti i risparmi.

Prima di tutto, è necessario chiarire un punto: ciò che è veramente caro a Tokyo sono i trasporti.

Per sportarsi nel centro di questa città, infatti, ci sono 13 linee metropolitane (più altre per raggiungere le zone periferiche) e sono gestite da compagnie diverse.

Questo implica che per muoversi tra due luoghi di interesse, magari neanche troppo distanti in linea d'aria, è talvolta necessario fare un cambio, uscendo dalla stazione e acquistando separatamente un secondo biglietto.

Tenete presente che il Japan Rail Pass, il biglietto che potete acquistare dall'Italia prima di partire e utilizzare per viaggiare con le principali ferrovie nazionali spendendo una tariffa fissa, non include le linee metropolitane della capitale.

In secondo luogo, se da un lato è vero che questa città non dorme mai, dall'altro le metro non sono aperte di notte: entrambe le linee metropolitane chiudono poco dopo la mezzanotte e riaprono la mattina tra le 04.30 e le 05.00.

I taxi sono costosissimi quindi, se non avete voglia di tornare troppo presto, preparatevi a fare nottata: avrete tempo di dormire una volta rientrati a casa e la notte sarà un momento perfetto per vivere questa città sotto un'ottica diversa!


Dove passare la serata a Tokyo: cominciamo dalla cena

Dopo aver girato per la città tutto il giorno, di sicuro vi sarà venuta fame. Se avete voglia di qualcosa di tipico spendendo davvero poco, i ristorantini specializzati in ramen ラメンsono ciò che fa per voi: con circa 500¥ (o poco più) potrete gustare un menù che include questa portata, e spesso anche i gyōza 餃子 (ravioli alla piastra). L'acqua nei ristoranti è sempre offerta dal ristoratore, quindi non spenderete altro.

Un altro piatto giapponese che adoro (che trovate in ristorantini specializzati e che vi farà spendere poco) è il tendon 天丼: una ciotola contenente del riso bollito con sopra pesce o verdure fritte in tempura e una salsa, il cui prezzo non si discosta molto da quello del ramen.

Se invece avete voglia di sushi a buon prezzo, vi consiglio ristoranti come gli Hamazushi e i Kappa Sushi, che offrono piatti davvero buoni che pagherete poco. In questi locali i prezzi delle portate variano a seconda del piatto che le contiene: ognuno ha un colore diverso e tante porzioni costano solo 100¥ (meno di 1€).

Fidatevi: con un budget di 10-15€ uscirete molto sazi e il sushi è molto più buono di quello che potete trovare quasi ovunque in Italia.


Se invece preferite un'atmosfera da pub, il luogo ideale dove poter cominciare la serata è un izakaya居酒屋, una parola che descrive dei locali in cui si può sia mangiare che bere. Sono presenti veramente ovunque e hanno prezzi variabili. Alcuni hanno anche la formula tabehodai 食べ放題 (all you can eat) oppure nomihodai 飲み放題 (open bar) per un periodo prefissato di tempo. Tenete presente che i piatti serviti ricordano un po' le tapas spagnole (nel senso che una sola porzione non è sufficiente per saziarsi) e che, se doveste fare amicizia e unirvi a un tavolo con dei giapponesi, è normale ordinare diversi piatti e condividerli con chi è seduto.

Tra gli izakaya ci sono anche i famosi Torikizoku, una catena specializzata in diverse tipologie di spiedini, dove tutto costa 298¥ (circa 2,50 €), anche se sulla quantità vale lo stesso discorso fatto sopra.

Una cosa fondamentale da tenere a mente è che i prezzi non includono l'iva, che viene applicata sul conto finale. Alcuni menù riportano il prezzo sia con che senza tasse, ma quello che le include è scritto sotto e in piccolo!

Non preoccupatevi per la lingua: di solito i ristoranti dispongono di liste sia in giapponese che in inglese.


Cosa fare dopo aver mangiato?

Siete usciti da un izakaya e non avete voglia di andare a dormire perché vedete la città in fermento? Nessun problema, ecco alcuni suggerimenti.

La mia cosa preferita in assoluto del Giappone è il karaoke カラオケ. Ve lo dico da cantante stonatissimo (ma che ci crede!): la versione originale giapponese è molto più divertente di quella a cui siamo abituati in Italia! Si affitta una saletta privata per un periodo di tempo prestabilito, che è dotata di un grosso televisore, microfoni, luci stroboscopiche, tavolo e divanetti.

Il repertorio musicale è piuttosto vasto e ben fornito: se, come me, non conoscete nessuna band locale, troverete senza fatica canzoni di Muse, Linkin Park, Rihanna o di qualsiasi altro cantante o band internazionale vi piaccia, così come alcuni grandi classici Italiani. Le stanze sono insonorizzate, quindi nessuno al di fuori di chi condivide quel luogo con voi sentirà quanto siete bravi, né si strapperà le orecchie per come cantate.

Il karaoke è un modo molto giapponese di trascorrere una nottata divertente e vi garantisco che il tempo passerà senza che ve ne accorgiate. Il prezzo per un'intera notte (dalle 11 di sera alle 5 del mattino) è di circa 2.500-3.000¥. Se invece arrivate tardi o volete starci meno, dipenderà dal numero di ore, dal giorno della settimana (il venerdì e il weekend il prezzo sale) e dalla scelta o meno dell'opzione nomihodai (drink illimitati, ordinabili tramite una sorta di citofono situato all'ingresso della stanzetta). Tenete presente che la tariffa per 30 minuti è di 300-400¥, il weekend e senza bevande, mentre sarà di 500-600¥ se volete anche bere qualcosa.


Se non vi piace proprio cantare ma siete dei ballerini provetti, potete optare per la discoteca, meglio nota come club クラブ in Giappone. I locali si possono trovare in molti quartieri, i più celebri sicuramente nelle zone di Shibuya e di Roppongi. Nella mia esperienza ho trovato i primi un po' più cari (anche perché sono più belli), mentre a Roppongi ce ne sono svariati, più per giovani e con prezzi bassi.

In ogni caso, l'ingresso nelle discoteche giapponesi non è più caro rispetto a quello nelle nostre: in media va dai 1.000 ai 1.500¥ in quelle meno grandi, con consumazione inclusa (a volte con due). Alcune hanno pure l'open bar incluso fino a poco prima della mezzanotte, se finite presto di mangiare.

I club più belli, con più piani, costano (drink inclusi) circa 2.000-3.000¥. Le donne entrano quasi sempre gratis o con un prezzo molto ridotto.


Fun facts (basati sulla mia esperienza)

I giapponesi sono molto amichevoli quando si trovano in contesti informali e sono anche molto incuriositi dagli stranieri: se farete amicizia, è probabile che vi chiedano di fare delle foto con loro. A me e ai miei amici è anche capitato di essere invitati a bere bottiglie costose al loro tavolo (offerte, per fortuna!).

Un'altra cosa curiosa è che nelle discoteche passavano delle ragazze immagine per regalare dei mini-pacchetti di sigarette per pubblicizzarle. A tal proposito, è importante tenere presente che in Giappone è consentito fumare al chiuso (mentre spesso non lo è per strada). È raro che i locali abbiano le aree fumatori come le nostre, ed è quasi impossibile uscire da un pub o da una discoteca senza sentire i propri vestiti impregnati dell'odore di fumo. Se vi dà molto fastidio, o se magari avete in valigia o nello zaino pochi vestiti, indossate qualcosa che poi non avreste più messo in ogni caso.

Finita la serata, se avete ballato tutta la notte e al ritorno verso il vostro alloggio foste affamati, oltre ai classici fastfood troverete ristorantini aperti 24 ore. In alternativa, potete passare in un conbini, negozi sempre aperti molto diffusi a Londra, negli USA e in tutta l'Asia, come per esempio i 7 Eleven.

Ecco, ora potrete tornare dove alloggiate e riposarvi qualche ora, prima di andare a visitare qualche quartiere famoso o tempio meraviglioso!

Sicuramente Tokyo non è tra le città più economiche al mondo, però spero che vi siate fatti un'idea del reale costo della vita lì e che possiate godervi in spensieratezza il vostro soggiorno in Giappone, trascorrendo una serata piacevole e senza spendere una fortuna.


Marco Milani


CONTATTI:

E-mail milanimarco7@gmail.com

Instagram: marco._milani